Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image
Torna su

Torna su

 
 

Hollywood, morti fasulle per i vip

Hollywood, morti fasulle per i vip
Testo-
Testo+
Commenta
Stampa

Dopo la notizia della falsa morte di Owen Wilson la polizia ha aperto un’indagine

Hollywood, morti fasulle per i vip

 

Dopo la notizia della falsa morte di Owen Wilson la polizia ha aperto un’indagine

 

(ANSA) LOS ANGELES – Dopo la notizia della finta morte di Owen Wilson, l’ultima vittima celebre dopo le tante che stanno pervadendo il web durante queste vacanze natalizie, da Charlie Sheen a Morgan Freeman, la polizia indaga. Il falso rapporto apparso ieri in rete comunicava che l’attore era stato vittima di un incidente sulle piste di un resort sciistico di Zermatt in Svizzera e che, dopo aver perso il controllo dello snowboard per la velocita’ troppo elevata, era morto sul colpo, rendendo vani i soccorsi e il tempestivo trasporto in ospedale. ”Owen Wilson e’ vivo e vegeto e le voci sono assolutamente false”, ha dichiarato uno dei suoi assistenti. Ormai queste notizie hanno un nome: vengono chiamate le ‘bufale della morte’. Si tratta semplicemente di scherzi di cattivo gusto, sui quali la polizia sta indagando, e che sono diventati sempre piu’ popolari sul web, soprattutto negli ultimi giorni. Tra le vittime celebri si annotano anche Aretha Franklin, Morgan Freeman (che sarebbe deceduto nella sua abitazione di Burbank), Charlie Sheen (il 26 dicembre, casualmente nello stesso resort svizzero di Wilson), Adam Sandler (il 28 dicembre per la stessa sfortunata coincidenza sportiva dei suoi colleghi) e il giovane cantante statunitense Aaron Carter, che solo pochi giorni fa aveva smentito la notizia della sua morte sul social network Twitter, per rassicurare i suoi fan.

redazione@approdonews.it

Discussione (1 commenti)

  1. […] tempo dopo l’uscita nelle sale. La tematica del gioco d’azzardo è stata sovente utilizzata da Hollywood (vedi più di recente il successo della saga ‘Ocean’s Eleven’), forse anche per quell’aura […]

Partecipa alla discussione

Change privacy settings