Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image
Torna su

Torna su

 
 

Il Sia dell’Asp riceve il premio Innovazione Itc

Il Sia dell’Asp riceve il premio Innovazione Itc
Testo-
Testo+
Commenta
Stampa

Promosso da Smau in collaborazione con la School of managementi del Politcnico di Milano

Il Sia dell’Asp riceve il premio Innovazione Itc

 

Promosso da Smau in collaborazione con la School of management del Politecnico di Milano

 

Giuseppe_Romano_mentre_illustra_il_suo_progetto

 

CATANZARO – Un altro importante riconoscimento è stato assegnato nei giorni scorsi al Servizio Informativo Aziendale dell’Asp di Catanzaro, diretto da Giuseppe Romano. Trattasi del Premio Innovazione ITC, promosso da SMAU 2010, in collaborazione con la School of Management del Politecnico di Milano. Il lavoro premiato alla 2° Edizione del Premio Innovazione ICT, nell’ambito delle migliori pratiche e progetti di integrazione informativa e comunicativa, ha per tema “Migliorare la collaborazione tra i dipendenti e l’efficienza dei processi sanitari attraverso un’innovativa piattaforma di collaborazione aziendale”. “La progettazione, già di fatto fruibile, – spiega Romano – prevede un portale unico di accesso come collettore per gli utenti della sanità che consente di agevolare e fruire in modo più razionale dei servizi erogati. Lo Sportello Unico integra strumenti avanzati per la promozione delle aggregazioni spontanee d’interesse (Comunità virtuali) per una partecipazione attiva degli utenti (e-democracy), realizzando la massima trasparenza sull’operato dell’amministrazione e garantisce il diritto alla Pubblica Amministrazione Digitale semplificando le procedure per cittadini e imprese (e-government)”. Il progetto premiato allo SMAU è in grado di coordinare e sostenere le attività di tutti gli operatori coinvolti in un generico procedimento che sia stato opportunamente modellato a livello amministrativo/sanitario, attraverso una “orchestrazione automatica”, che valorizza tutti quelle informazioni previste nel modello, ma il cui valore è noto solo al momento in cui il procedimento viene istruito. “Il nostro progetto di migliormanto, – continua il dirigente del SIA – genera i piani di lavoro, propone la prossima azione, registra i compiti svolti, compila automaticamente i documenti, esegue automaticamente le attività di back-office intesa come popolamento automatico delle informazioni, permette ai responsabili di controllare l’andamento dei flussi operativi, rilevare le criticità, operare in tempo le azioni correttive, contabilizzare lo sforzo operativo, ricercare qualsiasi informazione, produrre statistiche per evidenziare il reale carico di lavoro degli operatori coinvolti”. Con l’aiuto del progetto sviluppato dal Servizio Informativo Aziendale, quindi, il risultato finale, il completamento della pratica nei tempi stabiliti, il perfetto monitoraggio, l’ottimizzazione dei carichi di lavoro, il rispetto del programma operativo, la condivisione dello standard ed il mantenimento del livello di qualità del servizio rientrano nella quotidianità lavorativa. Questo è in linea con quanto previsto dal decreto “Brunetta” sulla misurazione delle performance per l’erogazione della premialità ai dirigenti”. In definitiva il progetto, permette di annullare la “dispersione patologica” di tempo e risorse dovuta alla difficoltà di monitorare, coordinare, organizzare, distribuire e condividere attività e compiti fra funzionari ed operatori in un’organizzazione complessa e fortemente gerarchica qual è quella dell’ASP di Catanzaro. Vincenzo Ursini

Partecipa alla discussione

Change privacy settings