Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image
Torna su

Torna su

 
 

Intimidazione a coordinatore della Lega nel Vibonese Per l'imprenditore bottiglia incendiaria e accendino. La solidarietà della politica

Intimidazione a coordinatore della Lega nel Vibonese Per l'imprenditore bottiglia incendiaria e accendino. La solidarietà della politica
Testo-
Testo+
Commenta
Stampa

Grave intimidazione, ieri sera, ai danni del coordinatore territoriale della Lega, Roberto Incoronato. Ignoti, hanno depositato davanti il cancello della sua struttura ricettiva, “Quattro scogli” in località Grotticelle, una bottiglia incendiaria e un accendino. Pronta la denuncia, da parte dell’imprenditore nonché vice presidente del consorzio Blu Calabria, ai Carabinieri che hanno avviato indagini.

COORDINATORE REGIONALE LEGA, DOMENICO FURGIUELE

Il coordinatore regionale della Lega con Salvini on. Domenico Furgiuele, il coordinatore provinciale vibonese Antonio Piserà e tutta la Lega calabrese condannano duramente il grave atto intimidatorio subito dal coordinatore territoriale di Ricadi Roberto Incoronato. Infatti, Ieri sera, sono stati depositati davanti il cancello della struttura ricettiva una bottiglia incendiaria e un accendino. Nel condannare tale episodio la lega calabrese esprime tutta la propria solidarietà e vicinanza a Roberto, persona eccezionale, padre premuroso, imprenditore serio ed onesto impegnato a rendere il territorio migliore per sé, per i propri figli e per tutta la comunità di Ricadi. Ci si augura che episodi del genere non accadano più e che le Forze dell’Ordine, che stanno già indagando sul caso, facciano luce su questa vicenda nel più breve tempo possibile. Solidarietà anche da parte del Consorzio Blu Calabria di cui Roberto Incoronato è il vice presidente. Tutti i consorziati esprimono la vicinanza all’imprenditore Roberto. Il presidente del consorzio dottoressa Innocenza Giannuzzi condanna l’episodio intimidatorio e afferma che “in Calabria sta diventando sempre più difficile essere imprenditori, non bastano le intemperie, la crisi economica e la burocrazia elefantesca, dobbiamo anche ricevere intimidazioni dallo stile mafioso. Il nostro vice presidente è una persona unica e disponibile, imprenditore serio e professionale, gli siamo tutti vicini”.

SENATORE GIUSEPPE MANGIALAVORI

«Esprimo la mia vicinanza e solidarietà a Roberto Incoronato, l’imprenditore di Capo Vaticano vittima di un vile atto intimidatorio». Così il senatore di Forza Italia e coordinatore provinciale di Vibo Valentia Giuseppe Mangialavori. Davanti alla struttura turistica di Incoronato, che è anche il referente della Lega a Ricadi, è stata trovata una bottiglia di plastica contenente liquido infiammabile con accanto un accendino. «Il “messaggio” indirizzato a Incoronato – continua il parlamentare azzurro – sembra una minaccia in puro stile mafioso, di fronte alla quale le forze sane di Ricadi e dell’intera provincia di Vibo Valentia devono reagire per mandare un contro-messaggio alla criminalità organizzata: le intimidazioni e le violenze non scalfiranno la volontà di lavorare con abnegazione e onestà senza piegare il capo di fronte allo strapotere dell’antistato». «Per queste ragioni – conclude il senatore –, l’intero coordinamento di Forza Italia intende esprimere piena solidarietà a Incoronato e alla Lega, nella consapevolezza che solo uniti è possibile vincere la battaglia contro il malaffare e l’arroganza della criminalità».

Partecipa alla discussione

Change privacy settings