Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image
Torna su

Torna su

 
 

La giovane architetto taurianovese Caterina Sposato: la Spagna che parla italiano In tempi di coronavirus come capo capo del dipartimento di architettura e design dell’Academy Design di Marbella, ha adottato gli stessi criteri italiani sulla didattica a distanza

La giovane architetto taurianovese Caterina Sposato: la Spagna che parla italiano In tempi di coronavirus come capo capo del dipartimento di architettura e design dell’Academy Design di Marbella, ha adottato gli stessi criteri italiani sulla didattica a distanza
Testo-
Testo+
Commenta
Stampa

La questione Covid-19 ha penalizzato tantissime cose, il rischio di contagi frena anche, per così dire, un diritto normale allo studio, e non stiamo parlando solo dell’Italia, ma anche di altri paesi europei i quali purtroppo hanno avuto numeri tremendi di contagi e anche molte vittime.
Ma tra la bufera di una pandemia c’è chi non demorde e fa di tutto affinché la didattica, vada avanti così come i corsi accademici onde evitare che questo virus non solo penalizza concretamente ogni attività, ma addirittura crea isolamento sociale.
Dalla Spagna ad esempio, arrivano notizie le quali creano una soddisfazione anche di orgoglio campanilistico perché vive una nostra concittadina, un architetto che in altre occasioni abbiamo avuto modo di scrivere di lei.
Il suo nome è Caterina Sposato, capo del dipartimento di architettura e design dell’Academy Design di Marbella e, in un’intervista fatta a un settimanale sulla questione coronavirus e le restrizioni emanate dal governo spagnolo, la stessa afferma che, “In Andalusia siamo ancora fermi alla fase zero”, riferito al fatto che non c’è un’omogeneità all’applicazione dei decreti nella loro applicazione. In quanto, si legge che, molte università “che hanno i laboratori hanno dovuto congelare il percorso accademico degli studenti perché il programma si svolge in maniera pratica”.
Il laboratorio diretto da Caterina Sposato si è subito attivato per la didattica a distanza senza perdere tempo e penalizzare gli studenti e non solo, ha creato pure una struttura di supporto psicologico per accompagnare gli studenti e quindi aiutarli nell’affrontare lo studio in questa situazione emergenziale di carattere mondiale.
Nei fatti Caterina Sposato ha adottato i criteri restrittivi e di azione dell’Italia, in quanto essa stessa figlia della Calabria, quando afferma che “Si prevede che gli studenti debbano rientrare a settembre, lezioni e lauree proseguiranno a distanza fino a nuove disposizioni”.
Questo è quanto succede in altre realtà europee quando i protagonisti di alcune storia, belle, sono di Taurianova.
(GiLar)

Discussione (2 commenti)

  1. Vincenza

    Sei l orgoglio non solo della nostra famiglia ma anche della tua amata Calabria e del tuo paese. Continua così

  2. Grazia

    Orgoglio taurianovese.

Partecipa alla discussione

Change privacy settings