Laboratori bambini disabili a Cessaniti, Corigliano-Rossano e Olivadi | ApprodoNews
Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image
Torna su

Torna su

 
 

Laboratori bambini disabili a Cessaniti, Corigliano-Rossano e Olivadi La soddisfazione di U.Di.Con.

Testo-
Testo+
Commenta
Stampa

“Stiamo proseguendo il nostro giro di inaugurazioni per il progetto Quello che le persone non dicono, un’inclusione possibile – scrive in una nota il Presidente Nazionale U.Di.Con. Denis Nesci – questa volta tocca ai comuni di Cessaniti, Corigliano-Rossano e Olivadi, altre realtà dove è stato possibile realizzare i nostri laboratori per bambini disabili e dove le famiglie avranno modo di dare un’alternativa importante ai propri figli. I laboratori saranno un’occasione sia di divertimento che di apprendimento, siamo solo all’inizio delle attività progettuali, sentirete ancora parlare di quanto sia davvero possibile un’inclusione per questi ragazzi”.

Quello che le persone non dicono – un’inclusione possibile è un progetto ammesso a finanziamento con decreto del Direttore generale della Direzione Generale del terzo settore e della responsabilità sociale delle imprese, in data 29/12/2017 – registrato dall’Ufficio Centrale di Bilancio e dalla Corte dei Conti, a valere sulla disponibilità del Fondo di cui all’art. 72, comma 1 del decreto legislativo n. 117/2017 per l’anno finanziario 2017. Dopo l’attivazione dei laboratori di Laureana di Borrello e Nettuno, ora è il turno di Cessaniti il 18 aprile, Corigliano-Rossano il 19 aprile e Olivadi il 20 aprile.

“Lavoreremo sodo per portare a compimento i risultati che ci siamo prefissati nel progetto – continua Nesci – abbiamo la possibilità di rappresentare una novità per questi bambini e vogliamo farlo nel miglior modo possibile. Le difficoltà per queste famiglie sono quotidiane, noi vorremmo provare ad alleggerire in parte le loro giornate. È un momento storico molto complicato – conclude – c’è bisogno di grande umanità, di pensare a fare il bene di chi combatte con qualcosa di più grande di sé”.

Partecipa alla discussione