L’acne rosacea un difetto estetico o una malattia? | ApprodoNews
Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image
Torna su

Torna su

 
 

L’acne rosacea un difetto estetico o una malattia? Il dott. Amuso ci parla della patologia che colpisce 3 milioni e 200mila italiani

L’acne rosacea un difetto estetico o una malattia? Il dott. Amuso ci parla della patologia che colpisce 3 milioni e 200mila italiani
Testo-
Testo+
Commenta
Stampa

L’acne rosacea o eritema teleangectasico è una malattia infiammatoria cronica che si classifica in 4 sottotipi: eritemato-teleangectatica, papulo-postulosa, fimatosa e oculare.

Colpisce circa 3 milioni e 200 mila italiani, generalmente adulti di età superiore ai 30 anni, soprattutto donne. Scambiarla per un disturbo estetico, ha portato spesso i pazienti a provare a gestirla in autonomia senza cercare un aiuto medico, con il conseguente peggioramento. Si localizza  prevalentemente nella pelle del viso e, a volte colpisce anche gli occhi.

Si manifesta con i seguenti sintomi: rossore, eruzione cutanea e quando la malattia è in fase più avanzata ispessimento della pelle.

Alla base della rosacea vi sono dei fattori genetici predisponenti cosi afferma l’ordinario di Verona Girolomoni. Oggi sono noti anche i meccanismi fisiopatologici responsabili di questa patologia : Vi è un eccesso di produzione di sostanze antimicrobiche da parte della pelle, un’alterata regolazione dell’immunità innata nei confronti dei microorganismi presenti sulla pelle come il Demodex folliculorum, il Bacillus oleronius e lo straphylococcus epidermidis.

Molti studiosi comunque affermano che esistono dei fattori che possono peggiorare l’acne rosacea:

Calore e bagni caldi, Esercizio fisico eccessivo,Esposizione alla luce,Vento,Alimenti e bevande caldi o speziati, Assunzione di alcool, Menopausa, Stress emotivo, Uso prolungato di steroidi (cortisonici) sul viso.

Il paziente con acne rosacea si può presentare al medico:

Frequente rossore (o vampate di calore) sul viso. Il rossore si concentra nelle zone centrali del volto (fronte, naso, guance e mento). Può essere accompagnato da bruciore e di leggero gonfiore.

Piccole linee rosse sottopelle. Queste linee compaiono perché i vasi sanguigni sottopelle si dilatano. La zona della pelle colpita può presentare gonfiore, calore e rossore.

Rossore costante e piccoli rigonfiamenti della pelle. Spesso, ma non sempre, questi rigonfiamenti contengono pus (solo in questo caso si può parlare di pustole o brufoli). I rigonfiamenti sulla pelle possono far male.

Infiammazione degli occhi e delle palpebre.

Gonfiore del naso. In alcune persone (soprattutto uomini), il naso gonfia, diventa rosso e costellato di pustole.

Ispessimento della pelle. La rosacea può far ispessire la pelle della fronte, del mento, delle guance o di altre zone.

Precisiamo subito, rispondendo alle innumerevoli domande che l’acne rosacea non può essere curata.

La patologia, può essere trattata: terapia antibiotica, con doxiciclina dalle proprietà antiinfiammatorie e antimicrobiche, che è efficace anche per la rosacea oculare ma ha effetti minimi sui capillari.

Trattamenti topici, spesso associati alla terapia antibiotica, come il metronidazolo (in gel o crema) e l’acido azelaico (in gel e, da settembre, negli Usa sarà disponibile anche la schiuma il cui uso è stato recentemente autorizzato dalla Food and Drug Administration) entrambi antinfiammatori per il trattamento di papule e pustole di entità lieve o moderata.

La brimonidina (un gel vasocostrittore contro il rossore) e l’ivermectina che ha recentemente ricevuto dall’Aifa il via libera (un farmaco antinfiamatorio e antiparassitario – è usato contro la scabbia – efficace contro il Demodex, microrganismo che risiede nei follicoli pilo sebacei e sembra avere un ruolo nello sviluppo della rosacea papulo-pustolosa).

Con queste procedure terapeutiche la patologia è tenuta sotto controllo e con il passare del tempo l’aspetto della pelle migliorerà.

Le piccole linee rosse possono essere trattate con l’elettrochirurgia o la chirurgia laser o la radiofrequenza. In alcuni casi la chirurgia laser può migliorare l’aspetto della pelle, senza causare troppe cicatrici o danni.

I pazienti che hanno il naso gonfio e ricco di escrescenze possono farsi rimuovere la pelle in eccesso per far sembrare il naso più piccolo.

Per chi soffre do acne rosacea, sarebbe utile ai fini della prevenzione:

Tenere un diario per annotare quando avvengono le vampate di calore. Potrà dare utili suggerimenti sulle cause del disturbo della pelle.

Usare sempre una crema solare che protegga dai raggi UVA e UVB. Assicurarsi che abbia un fattore di protezione (SPF) pari o superiore a 15.

Usare una crema idratante non aggressiva, non usare prodotti irritanti sul viso.

acne rosacea

Partecipa alla discussione