Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image
Torna su

Torna su

 
 

L’attaccante Nunzio Di Dio firma con il Grottaglie

L’attaccante Nunzio Di Dio firma con il Grottaglie
Testo-
Testo+
Commenta
Stampa

Colpaccio dei pugliesi che tesserano l’ex Crotone, Vibonese ed Amantea

L’attaccante Nunzio Di Dio firma con il Grottaglie

Colpaccio dei pugliesi che tesserano l’ex Crotone, Vibonese ed Amantea

 

L’Ars et Labor Grottaglie ha perfezionato in data odierna l’ingaggio di Nunzio Di Dio, centravanti nato a Gela (Cl) il 7 agosto 1982.
Mancino naturale, fisicamente prestante con i suoi 190 centimetri, coniuga le doti realizzative con una buona tecnica e la propensione a partecipare alla manovra. Il suo è un curriculum di tutto rispetto. Formazione giovanile nella Juve Terranova Gela, passaggio al Crotone ed esordio in serie C-1 con mister Cuccureddu ed in serie B nel 2000/2011, a 18 anni, con Beppe Papadopulo.
Già 6 i campionati di serie D disputati in carriera: il primo con la Valle d’Aosta nel 2001/2002, tre con la Nuova Vibonese, compreso quello del 2005/2006 valso ai calabresi il salto in serie C-2 sotto la guida di Zampollini; quindi quelli con le maglie di Casale  Monferrato, Sapri, Viribus Unitis e Trapani. Proprio con la maglia del Sapri, fu avversario del Grottaglie ed andò in gol nella gara giocata in Campania. Per lui due stagioni a suon di gol anche in Eccellenza: ad Imperia nel 2004/2005, quando andò a segno 19 volte e con i calabresi del Città di Amantea lo scorso anno, quando collezionò 9 reti.
A 28 anni, l’avventura di Di Dio riparte dall’Ars et Labor Grottaglie con grande entusiasmo e voglia di fare bene. Per la società biancazzurra, il suo arrivo rappresenta un ulteriore sforzo, compiuto dal presidente Ciracì d’intesa con mister Danza, per potenziare anche sul fronte dell’esperienza l’attacco biancazzurro, che annovera giovani di indubbio interesse. Il neo attaccante del Grottaglie sarà a disposizione già a partire dall’atteso derby in programma domani, 24 ottobre 2010, alle 15:00 contro l’Ostuni Sport.

Partecipa alla discussione