Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image
Torna su

Torna su

 
 

Lions Club Taurianova, “Progetto Martina tra i banchi” Il Progetto prende il nome di una ragazza di Padova che, colpita da un cancro alla mammella, non è riuscita a sconfiggerlo. Martina prima di lasciare la sua splendida e giovane vita

Lions Club Taurianova, “Progetto Martina tra i banchi” Il Progetto prende il nome di una ragazza di Padova che, colpita da un cancro alla mammella, non è riuscita a sconfiggerlo. Martina prima di lasciare la sua splendida e giovane vita
Testo-
Testo+
Commenta
Stampa

Anche quest’anno, a cura del Lions Club Taurianova Vallis Salinarum, è partito il Progetto Martina in varie Scuole. Un service di grande rilevanza ed utilità che si rivolge ai giovani per “educarli” alla prevenzione dei tumori, attraverso abitudini di vita corretta sin dalla più giovane età.
Il Progetto Martina prende il nome di una ragazza di Padova che, colpita da un cancro alla mammella, non è riuscita a sconfiggerlo. Martina prima di lasciare la sua splendida e giovane vita, ci ha voluto consegnare un testamento di speranza e di amore: ha chiesto che i giovani vengano regolarmente informati su questa subdola malattia che si manifesta solo quando ormai è troppo tardi e ha raccomandato che vengano educati ad avere maggiore cura della propria salute attraverso uno stile di vita sano per limitare al massimo il rischio di ammalarsi e ponendo maggiore attenzione a tutti quei campanelli d’allarme del proprio corpo che potrebbero essere i primi sintomi della malattia.
Perciò, dopo la sua morte, nell’anno scolastico 1999-2000, alcuni medici Lions di Padova vollero onorare la memoria di Martina e incominciarono ad incontrare gli studenti della Scuola Superiore per informarli sulla metodologia di prevenzione di alcune neoplasie che colpiscono i giovani. Da allora il Progetto Martina è diventato per i Lions italiani un service diffusissimo che si pone come obiettivo prioritario quello della lotta ai tumori, entrando nelle Scuole per far conoscere ai ragazzi in età compresa tra i 16 e i 18 anni, i fattori di rischio, al fine di evitarli con una sana alimentazione e uno stile di vita corretto ma anche per educarli ad effettuare controlli mirati ed accorgimenti utili per una diagnosi precoce.
Il Progetto è diventato ormai un impegno fisso dei Lions Clubs e i ragazzi informati, in Italia sono davvero tanti.
Alla luce di tutto ciò, il Lions Club Taurianova Vallis Salinarum non poteva perdere tale occasione di servizio per il proprio territorio e da dieci anni aderisce al Progetto Martina visitando varie Scuole e incontrando tantissimi studenti , in sintonia anche con le indicazioni dei Ministeri dell’Istruzione e della Sanità che promuovono l’Educazione alla Salute nelle Scuole.
In questo anno scolastico il service è indirizzato al Liceo Classico Gerace di Cittanova e all’Istituto Tecnico Gemelli Careri di Taurianova dove i Medici Specialisti hanno già incontrato nei giorni 25 gennaio, 1-8 febbraio gli studenti delle IV classi. Il Progetto continuerà con il secondo incontro all’Istituto Careri e proseguirà con il Liceo Scientifico di Oppido Mamertina nei giorni 22 e 29 febbraio e con l’Istituto di Istruzione Superiore Severi di Gioia Tauro nei giorni 14 e 21 marzo.
Il Progetto Martina è un service a costo zero sia per le Scuole sia per il Club, è curato dai Medici Volontari Soci Lions Luisa Pandolfini, Leopoldo Muratore, Pasquale Iozzo che, affiancati dal Presidente Aurora Placanica e da altri Soci, si rivolgono efficacemente ai ragazzi, mettendo in pratica una modalità di approccio accattivante ormai consolidata negli anni. I medici, con l’ausilio di mezzi informatici, forniscono ai ragazzi chiare informazioni sui tumori che possono presentarsi in età giovanile, in modo da mettere in atto semplici ma efficaci azioni di prevenzione primaria che riduce il rischio di contrarre un tumore e secondaria per migliorare la curabilità mediante accorgimenti atti a scoprire in tempo utile l’insorgenza dell’eventuale malattia.
Le lezioni, seguite con grande attenzione, non durano più di 60-70 minuti per non stancare o annoiare i ragazzi. Al termine ogni studente viene invitato a compilare un questionario inerente l’argomento trattato. Lo scopo del questionario è quello di verificare l’attenzione e l’apprendimento degli studenti, la capacità comunicativa dei medici e il numero dei ragazzi informati. Tale verifica permette di migliorare, se necessario e comunque di ottimizzare la metodologia di approccio con i ragazzi perché il Progetto possa raggiungere sempre più, le proprie finalità.

Partecipa alla discussione

Change privacy settings