Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image
Torna su

Torna su

 
 

Lo Stato vada fino in fondo e supporti il comune di Gioia Tauro Il sindaco di Gioia Tauro Aldo Alessio è determinato ad affrontare i tantissimi problemi che bloccano la città, ha detto con estrema chiarezza di essere pronto a fare un passo indietro

Lo Stato vada fino in fondo e supporti il comune di Gioia Tauro Il sindaco di Gioia Tauro Aldo Alessio è determinato ad affrontare i tantissimi problemi che bloccano la città, ha detto con estrema chiarezza di essere pronto a fare un passo indietro
Testo-
Testo+
Commenta
Stampa

Questo è il momento della determinazione, della chiarezza e dell’unione. Il sindaco di Gioia Tauro Aldo Alessio è determinato ad affrontare i tantissimi problemi che bloccano la città, ha detto con estrema chiarezza di essere pronto a fare un passo indietro nel caso in cui nel giro di pochi giorni non dovessero arrivare risposte che consentano all’ente di poter svolgere almeno le funzioni basilari e sta incontrando quotidianamente tutti i consiglieri comunali perché adesso è a rischio il futuro della città e non quello della sua amministrazione.

Oggi lo Stato ha il dovere di andare fino in fondo e compiere totalmente il suo compito. Attraverso la magistratura sta meritoriamente operando per eliminare i collegamenti tra la ndrangheta e l’ente. Legami che nel tempo hanno bloccato lo sviluppo della città e lasciato soltanto macerie e incompiute.

E’ un’azione necessaria ma non sufficiente. Deve essere completata attraverso un supporto concreto alla nostra comunità. I gioiesi hanno fiducia nello Stato e sono molto più maturi rispetto a come spesso vengono rappresentati. Questa fiducia non può essere tradita.

In questi 12 mesi Alessio e la sua squadra hanno preso decisioni difficili e si sono caricati sulle spalle responsabilità, soprattutto in materia di bilanci, che sarebbero spettate ad altri e lo hanno fatto per consentire alla città di ripartire.

Ora, dopo l’operazione waterfront ogni attività è di fatto bloccata perché mancano le figure apicali.

La città non vuole tornare indietro e lo Stato ha il dovere di non lasciarla sola. Per questo è necessario intervenire per restituire in pochi giorni alla macchina burocratica comunale le figure necessarie per far ripartire l’attività. Ci uniamo all’appello lanciato dal sindaco e siamo certi che non resterà inascoltato.

La nostra associazione ha vinto le elezioni puntando senza indugi e riponendo grande fiducia in Aldo Alessio. Quella fiducia è stata ripagata dal grande impegno profuso in questi mesi e siamo certi che grazie alla sua determinazione, alla vicinanza dell’intera comunità e all’azione dello Stato, dal Governo fino alla Città metropolitana, con Aldo Alessio nei prossimi quattro anni la città rinascerà.

Partecipa alla discussione

Change privacy settings