Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image
Torna su

Torna su

 
 

Minacce di morte a Gratteri, Dieni: «Il suo lavoro fa male alla ‘ndrangheta» Secondo quanto riportato in una lettera anonima recapitata ai carabinieri di Lagonegro – continua la parlamentare –, il clan Mancuso avrebbe pianificato l'omicidio del magistrato calabrese

Minacce di morte a Gratteri, Dieni: «Il suo lavoro fa male alla ‘ndrangheta» Secondo quanto riportato in una lettera anonima recapitata ai carabinieri di Lagonegro – continua la parlamentare –, il clan Mancuso avrebbe pianificato l'omicidio del magistrato calabrese
Testo-
Testo+
Commenta
Stampa

«Massima vicinanza al procuratore di Catanzaro Nicola Gratteri per le vili minacce subite, che sono l’ulteriore prova di quanto il suo lavoro ostacoli le attività criminali della ‘ndrangheta».
Così la portavoce alla Camera del Movimento 5 stelle Federica Dieni.
«Secondo quanto riportato in una lettera anonima recapitata ai carabinieri di Lagonegro – continua la parlamentare –, il clan Mancuso avrebbe pianificato l’omicidio del magistrato calabrese, peraltro incaricando un killer originario di Belvedere Marittimo. Nella speranza che la Procura di Salerno faccia luce al più presto su questo nuovo, inquietante, episodio, rinnovo la mia solidarietà a Gratteri, certa che questa nuova minaccia non lo distoglierà dalla sua missione: colpire senza sosta le cosche calabresi, come dimostra la recente indagine Rinascita Scott, che presto potrebbe determinare il processo per circa 400 persone».

Partecipa alla discussione

Change privacy settings