Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image
Torna su

Torna su

 
 

Nazionale: Chiellini, tornare a vincere

Nazionale: Chiellini, tornare a vincere
Testo-
Testo+
Commenta
Stampa

”Si parte con un nuovo ciclo – dice il giocatore – siamo tutti consapevoli che ci sara’ da lavorare duro”

Nazionale: Chiellini, tornare a vincere

”Si parte con un nuovo ciclo – dice il giocatore – siamo tutti consapevoli che ci sara’ da lavorare duro”

 

(ASCA) – Roma, ”Vogliamo tornare a vincere, e’ troppo che non ci riusciamo. Il girone e’ complesso, ma il nostro obiettivo e’ chiaro: qualificarci ai prossimi Europei”: non usa giri di parole Giorgio Chiellini e lancia il suo messaggio dal ritiro di Coverciano. Per uno come lui, reduce da una stagione povera di soddisfazioni sia con la Juve che con la Nazionale, la parola realismo e’ d’obbligo.

”E’ sempre meglio essere realisti piuttosto che ottimisti, perche’ l’ottimismo puo’ portare alla depressione qualora gli obiettivi non vengano raggiunti. L’obiettivo della qualificazione a Euro 2012 non va dato per scontato. Ripeto, il girone e’ difficile e, quando si rifonda e si ringiovanisce, non e’ facile arrivare subito ai livelli ottimali. Con l’Estonia non sara’ un impegno agile, ci sara’ da sudare e da faticare. Ma, dopo tante partite, e’ venuto il momento di tornare a vincere. Saranno poi le gare di ottobre contro Irlanda e Serbia a dirci a che punto e’ questa Italia”.

Un’Italia rinnovata dopo l’esperienza sudafricana e della quale Chiellini rimane un punto di riferimento importante: ”Si parte con un nuovo ciclo – dice il giocatore – siamo tutti consapevoli che ci sara’ da lavorare duro. Riguardo al mio ruolo, tutti gli allenatori sanno che rendo meglio da centrale, anche se in alcune squadre puo’ servire che faccia il terzino ed allora io mi metto a disposizione. Dall’Europeo credo di essere migliorato, giocare accanto a Cannavaro mi e’ servito sul piano tecnico ed umano. Fabio e’ stato come un fratello maggiore per me”.

Sull’argomento Cassano, ”non siamo – sostiene – aggrappati a lui. Antonio puo’ essere il giocatore con maggiori qualita’ in questa squadra, ma dargli troppe responsabilita’ non gioverebbe a nessuno e tanto meno a lui.

Le partite non si vincono da soli, il gruppo e’ fondamentale”.

Quanto alla Juventus, ”dobbiamo puntare alla Champions – ammette Chiellini – e questa squadra ha le potenzialita’ per farlo. Vedo le due milanesi di una spanna superiore, mentre la Roma e’ al nostro livello. L’Inter ha una qualita’ di organico eccezionale. Sapevamo che avremmo sofferto all’inizio, abbiamo molti giocatori nuovi.

Chiedo pazienza ai nostri tifosi, anche se capisco che la pazienza ha un limite. Ma, dal punto di vista dello spirito, vedo un’aria diversa rispetto alla passata stagione. Prima o poi terminera’ il ciclo dell’Inter, e’ fisiologico, e noi dovremmo farci trovare pronti”.

Partecipa alla discussione