Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image
Torna su

Torna su

 
 

ormaggio da non consumare. Migros ritira il “Gorgonzola e Mascarpone”, contiene Listeria

ormaggio da non consumare. Migros ritira il “Gorgonzola e Mascarpone”, contiene Listeria
Testo-
Testo+
Commenta
Stampa

Migros ha informato il Laboratorio cantonale di Zurigo e l’Ufficio federale della sicurezza alimentare e di veterinaria (USAV) che nel prodotto italiano “Gorgonzola e mascarpone” nel corso di un controllo interno, è stata rilevata la presenza di batteri patogeni del genere listeria. La catena di supermercati, ha immediatamente ritirato il prodotto dalla vendita e ha avviato un richiamo. L’Ufficio federale della sicurezza alimentare e di veterinaria raccomanda di non consumare il prodotto caseario. Il numero dell’articolo, nel frattempo ritirato dagli scaffali, è 2125.830.240, il codice ID è IT 03 48 CE che ha permesso di verificare che l’alimento è stato prodotto o confezionato in Italia con data di scadenza il 21.10.2019. Le persone immunocompetenti, stando alla nota pubblicata mercoledì, rischiano al massimo una lieve infezione, in quelle immunodepresse possono invece svilupparsi sintomi gravi, a volte letali; durante la gravidanza la listeriosi può provocare aborto spontaneo, setticemia o meningite neonatale. Giovanni D’Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti”, raccomanda ai numerosi frontalieri italiani e a tutti i clienti di non consumare più il prodotto in questione che possono riportare alla loro filiale che provvederà a rimborsare loro il prezzo di vendita. L’allarme riguarda per adesso la Svizzera Ma quello che preoccupa è che il prodotto viene importato dall’Italia. Quindi potremmo trovare anche noi, sulle nostre tavole, il formaggio contaminato. Pertanto si raccomanda ai consumatori, intanto, di rispettare le basilari norme igieniche, anche se sino ad oggi il Ministero della Salute italiano non ha pubblicato sul suo nuovo portale dedicato alle allerte alimentari il richiamo del formaggio anche nel nostro Paese. La segnalazione è stata diffusa anche attraverso il sistema di allerta europeo RASFF, questo vuol dire che tutti i Paesi interessati hanno ricevuto la notizia e si sono attivarti immediatamente per verificare che il produttore abbia ritirato il formaggio dagli scaffali di tutti i punti vendita, informando i consumatori.

Partecipa alla discussione