Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image
Torna su

Torna su

 
 

Platì: denunciati 38 falsi braccianti agricoli I militari dell'Arma dei Carabinieri hanno concluso un'articolata indagine che ha portato al deferimento di 38 persone accusate di truffa

Platì: denunciati 38 falsi braccianti agricoli I militari dell'Arma dei Carabinieri hanno concluso un'articolata indagine che ha portato al deferimento di 38 persone accusate di truffa
Testo-
Testo+
Commenta
Stampa

I militari della Stazione Carabinieri di Platì, supportati da personale del Nucleo Carabinieri Ispettorato del Lavoro di Reggio Calabria e dello Squadrone Eliportato Cacciatori del Gruppo Operativo Calabria di Vibo Valentia, hanno deferito in stato di libertà 38 persone, residenti nel piccolo comune aspromontano, responsabili, a vario titolo, di tentata truffa aggravata per il conseguimento di erogazioni pubbliche ai danni dell’istituto nazionale della previdenza sociale.
Le indagini, avviate ormai da mesi attraverso il costante monitoraggio dei braccianti agricoli e dei terreni riconducibili a ciascuna azienda, hanno consentito di accertare che i titolari di quattro distinte aziende agricole hanno proceduto alla comunicazione di complessive 2078 giornate lavorative dei rispettivi operai, assunti a tempo determinato dal 1°.10.2014 al 31.12.2014, con il duplice scopo di percepire illecitamente finanziamenti pubblici sotto forma di prestazioni a sostegno del reddito erogate dall’I.N.P.S., con particolare riferimento all’indennità di disoccupazione agricola, di maternità e malattia, nonché assicurare ai falsi braccianti una fittizia posizione contributiva che, al raggiungimento dei limiti di età, avrebbe consentito loro di percepire un indebito trattamento pensionistico.
Tra i falsi braccianti numerosi sono le mogli e i figli di soggetti detenuti che, nel corso dei controlli, sono stati sorpresi anziché nei terreni a lavorare la terra, comodamente in casa o in giro per le strade del paese. Analogamente tutti i terreni, riconducibili alle aziende agricole interessate, sono risultati incolti ed in evidente stato di abbandono.
I militari dell’Arma, a conclusione degli accertamenti necessari, hanno informato gli uffici competenti dell’I.N.P.S. al fine di bloccare l’erogazione delle varie indennità per un ammontare di circa novantamila euro, dopo aver deferito alla Procura della Repubblica le 38 persone, responsabili, a vario titolo, di tentata truffa aggravata per il conseguimento di erogazioni pubbliche.

Partecipa alla discussione