Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image
Torna su

Torna su

 
 

Presenza di corpi estranei, ministero della Salute annuncia richiamo di Aglio olio e peperoncino POLLI Il richiamo dagli scaffali dei negozi, disposto in via precauzionale dalla stessa ditta produttrice, è scattato a seguito di alcuni controlli che hanno stabilito la possibile presenza di corpi estranei all’interno dei vasetti

Presenza di corpi estranei, ministero della Salute annuncia richiamo di Aglio olio e peperoncino POLLI Il richiamo dagli scaffali dei negozi, disposto in via precauzionale dalla stessa ditta produttrice, è scattato a seguito di alcuni controlli che hanno stabilito la possibile presenza di corpi estranei all’interno dei vasetti
Testo-
Testo+
Commenta
Stampa

Un nuovo avviso di richiamo di prodotti alimentari per rischio fisico è stato diffuso in queste ore da parte del ministero della Salute sul proprio sito, nella sezione dedicata ai richiami di prodotti alimentari da parte degli operatori. Il provvedimento si è reso necessario perché questa volta il ritiro riguarda un lotto di Aglio olio e peperoncino venduto in vasetti di vetro, prodotto dalla stessa ditta ma commercializzato sul mercato con diverse etichette. Nel dettaglio si stratta dell’Aglio olio e peperoncino venduto con il marchio POLLI. L’articolo alimentare in questione è prodotto dall’azienda F.LLI POLLI nello stabilimento di via C. Battisti n 1059 a Monsummano Terme, in provincia di Pistoia. Il prodotto interessato dal richiamo è distribuito in vasetti da 185 grammi con il numero di lotto TA239 IHD196 che coincide con il termine minimo di conservazione fissato dunque ad agosto del 2021. Il ritiro, disposto in via precauzionale dalla stessa ditta produttrice, è scattato a seguito di alcuni test svolti in autocontrollo che hanno stabilito la possibile presenza di corpi estranei all’interno dei vasetti del lotto di Aglio olio e peperoncino. “A scopo precauzionale richiamiamo il prodotto per la possibile presenza di un corpo estraneo” spiegano infatti dalla società. Come sempre, Giovanni D’Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti”, per chi avesse già acquistato il prodotto interessato dal richiamo, consiglia di non consumarlo ma di restituire le confezioni al punto vendita per la sostituzione.

Partecipa alla discussione