Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image
Torna su

Torna su

 
 

Presidio “Democrazia e Costituzione” Approvati oggi tre ordini del giorno per dare attuazione all'articolo 11 della nostra Carta Costituzionale e li ha consegnati al Prefetto di Reggio Calabria

Presidio “Democrazia e Costituzione” Approvati oggi tre ordini del giorno per dare attuazione all'articolo 11 della nostra Carta Costituzionale e li ha consegnati al Prefetto di Reggio Calabria
Testo-
Testo+
Commenta
Stampa

Il presidio unitario per la Democrazia e la Costituzione, costituito dai cittadini e dai rappresentanti delle Istituzioni, delle Associazioni e delle organizzazioni sindacali e politiche, che hanno condiviso l’appello dell’ANPI di Reggio Calabria per un’iniziativa contro la guerra e per la realizzazione della nostra Costituzione, ha approvato oggi tre ordini del giorno per dare attuazione all’articolo 11 della nostra Carta Costituzionale e li ha consegnati al Prefetto di Reggio Calabria, affinché siano inoltrati al Presidente della Repubblica Italiana ed al Presidente del Consiglio dei Ministri.

Al presidio unitario di sabato 19 ottobre 2019, programmato per le ore 9.30 – 12.00, in Piazza Vittorio Emanuele (Piazza Italia) a Reggio Calabria, voluto e promosso dall’ANPI di Reggio Calabria, hanno aderito e partecipato sia le Istituzioni (Comune di Reggio Calabria, Comune di Cinquefrondi, Comune di Polistena, Città Metropolitana di Reggio Calabria e Consiglio Regionale della Calabria), sia Associazioni e Organizzazioni Sindacali e Politiche (A.GE.DO, ARCI, ARCIGAY, LIBERA, Lega Ambiente, UDI, Partigiani Scuola Pubblica, Fridays for Future, FAND, CGIL, CISL, USB, Meetup 5S , Articolo 1 e Gruppo del Consiglio Regionale “La Sinistra”).
Hanno partecipato anche le sezioni ANPI di Palmi, Polistena e Taurianova.

In allegato i tre ordini del giorno: “1 – Ripudiamo la Guerra; 2 – Per una Sanità ed una Scuola a norma di Costituzione; 3 – Contro le Autonomie Regionali Differenziate”, insieme alle foto del presidio ed alla consegna dei documenti in prefettura.

Partecipa alla discussione