Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image
Torna su

Torna su

 
 

Pronte le dimissioni di Raffale Loprete? Il PD indica i tre punti per salvare la maggioranza dopo una riunione infuocata I Dem si dividono in più fazioni. In esclusiva per ApprodoNews la ricostruzione della riunione del PD

Pronte le dimissioni di Raffale Loprete? Il PD indica i tre punti per salvare la maggioranza dopo una riunione infuocata I Dem si dividono in più fazioni. In esclusiva per ApprodoNews la ricostruzione della riunione del PD
Testo-
Testo+
Commenta
Stampa

Sembrerebbe che l’assessore Raffaele Loprete abbia deciso in maniera irrevocabile di presentare le dimissioni da assessore del Comune di Taurianova, al di là se si trova l’accordo politico con il sindaco Fabio Scionti. Dalle notizie frammentarie in esclusiva al nostro giornale, i Dem hanno indicato tre punti per trovare la quadra politica e la risoluzione della crisi, pur dividendosi all’interno.
Primo punto, il rispetto dell’accordo con la nomina dei due assessori, Enzo Borgese e Maria Fedele. Secondo punto, una giunta a cinque senza alcuna indennità economica, iniziando dal sindaco, la giunta e il presidente del consiglio comunale. Per dare così un messaggio alla città in un momento di gravissima crisi economica. Dando un esempio di non attaccamento alle poltrone, ma come servizio alla collettività. Terzo ed ultimo punto, la conferma della giunta a tre, previo azzeramento, con nuovi assessori e nuovo presidente del consiglio comunale.
Naturalmente ci assumiamo le responsabilità in merito alle nostre fonti e ovviamente, stiamo scrivendo al condizionale e tali notizie potrebbero fino a stasera, se ci sarà o meno la riunione di maggioranza, subire delle modifiche.

Discussione (1 commenti)

  1. Francesco De Matteis

    La rinuncia all’indennità economica del sindaco e degli Assessori è uno spot pubblicitario bellissimo, ma privo di contenuti…a me cittadino interessa essere governato da un Sindaco ed una Giunta capaci, che abbiano a cuore le sorti della Città e che lavorino con impegno e coscienza in questa direzione, mettendo da parte gli spiccioli interessi di bottega, o personali. Che siano pagati o meno i miei amministratori, poco interessa…per me contano i fatti….e la responsabilità. In democrazia rappresentativa nessuno può sentirsi investito del potere di mantenere in scacco una intera comunità, il governo della cosa pubblica è ben altra cosa..se non sussistono le condizioni oggettive per garantirlo ai cittadini…. meglio togliere il disturbo.

Partecipa alla discussione