Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image
Torna su

Torna su

 
 

Maggioranza Borgia: “Sul Psa l’opposizione non si confronta” "Le recenti dichiarazioni dei consiglieri di minoranza ne sono ulteriore conferma"

Maggioranza Borgia: “Sul Psa l’opposizione non si confronta” "Le recenti dichiarazioni dei consiglieri di minoranza ne sono ulteriore conferma"
Testo-
Testo+
Commenta
Stampa

Le recenti dichiarazioni rilasciate dai consiglieri di minoranza a proposito del Piano Strutturale Associato (PSA), costituiscono conferma inequivocabile dell’assoluta mancanza di volontà a confrontarsi sulla pianificazione urbanistica

Sostengono, detti consiglieri, che non vi sia stato confronto e che oggi non si può edificare.

Niente di più inesatto, tanto per usare un eufemismo!

Ad affermarlo – come di consueto attraverso una nota diffusa dal responsabile dell’ufficio Stampa –  i Consiglieri della maggioranza.

Com’è ampiamente noto infatti – proseguono i predetti consiglieri  – l’attuale Amministrazione ha da sempre ritenuto che prima di adottare il piano, fosse fondamentale apportare allo stesso delle modifiche che tenessero conto delle esigenze dei cittadini di Borgia e delle differenze morfologiche di questo territorio rispetto agli altri comuni coinvolti, nonché conoscere il pensiero di tutti i borgesi in merito all’argomento.

Per raggiungere tale obiettivo, com’è altrettanto noto, nei mesi scorsi, per spiegare cosa prevedesse la bozza definitiva del documento del PSA e con l’intento di condividere e recepire proposte costruttive sulla pianificazione futura della cittadina, l’Amministrazione comunale di Borgia ha più volte incontrato tecnici, liberi professionisti e, ovviamente, cittadini, sia a Borgia centro che a Roccelletta. Tant’è che nel proficuo incontro svoltosi lo scorso mese di gennaio, tecnici e Amministrazione hanno condiviso la necessità, peraltro già evidenziata dalla giunta, che le aree ex B e C siano riviste laddove non coperte da vincoli, al fine di tutelare i cittadini contribuenti che in questi anni hanno pagato l’ ICI, ma non solo.

Fatto questo doveroso ed opportuno riepilogo dei FATTI – aggiungono Maiuolo ’55 e colleghi – ai Consiglieri di minoranza, ed ovviamente a tutti i cittadini di Borgia, nonché a quanti hanno a cuore la questione, vogliamo rammentare alcune altre cose.

In primis che, a margine di una commissione consiliare, alla presenza del geom. Fratto, Responsabile del servizio urbanistica, è stato illustrato lo stato dell’arte del PSA.

Inoltre che per diverse volte i consiglieri d’opposizione non si sono presentati alle riunioni della commissione urbanistica e che in una seduta del Consiglio comunale sull’argomento, la minoranza ha abbandonato l’aula.

Ma vi è di più. Avvenimenti e cose che, complice forse la memoria labile o la voglia di rimuovere ciò che non conviene, si tende a non ricordare.

Ad esempio che più volte l’Amministrazione comunale ha chiesto chiarimenti al Dipartimento Regionale Urbanistica e governo del Territorio poiché ancora oggi permangono, su questo PSA, dei nodi che nessuno ha mai chiarito al Comune di Borgia.

Il Consigliere Esposito sostiene che l’Amministrazione sia interessata solo allo sviluppo della Roccelletta e non sia attenta al centro storico. A lui evidenziamo e ricordiamo che più volte l’Amministrazione Comunale, per equità dei diritti, ha proposto che le aree già edificabili nel vecchio piano regolatore e che non siano in zona soggetta a vincolo possano mantenere la prevista destinazione d’uso. Il Consigliere Esposito, comunque e tuttavia, non ha prestato attenzione a quante aree di nuova edificazione siano previste per il centro storico, aree che, a parere dell’Amministrazione, forse sono in misura spropositata rispetto alle reali esigenze.

Il Consigliere Tavano, che evidentemente ha dimenticato di essere stato presente alle riunioni che l’Amministrazione ha fatto con tecnici e cittadini, si spinge ancora più in la sostenendo che oggi sia impossibile edificare in zona residenziale ed invece lo si possa fare in zona agricola. A lui – proseguono i consiglieri di maggioranza – vorremmo sommessamente ricordare che sino all’adozione del nuovo strumento urbanistico vige quello precedente, pertanto chiunque può presentare richiesta di permesso a costruire ed anzi l’ufficio tecnico continua a rilasciarne anche in questi giorni.

Tuttavia, pur constatando, come già ampiamente verificabile, che nessuna proposta seria sia stata sino ad ora presentata da parte della opposizione, che si limita alle sterili critiche e non avanza mai proposte costruttive, l’Amministrazione Comunale è disponibile a confrontarsi sulle proposte di sviluppo della cittadina, consapevole che il tema della pianificazione urbanistica dovrebbe essere un terreno di condivisione e non di scontro.

Ribadiamo quindi – concludono i consiglieri di maggioranza – la disponibilità a discutere nel merito proposte costruttive, che mai fino ad oggi abbiamo sentito/visto, da parte della opposizione.

Quanto a trasmettere le proposte all’Ufficio di Piano, Siamo disponibili e raccogliamo l’invito del Consigliere di minoranza Maiuolo.

Tags

Partecipa alla discussione