Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image
Torna su

Torna su

 
 

Rally del tirreno di Messina (Sicilia) Vince la Skoda Fabia R5 di Totò Riolo e Gianfranco Rappa 16 ° Rally del Tirreno

Rally del tirreno di Messina (Sicilia) Vince la Skoda Fabia R5 di Totò Riolo e Gianfranco Rappa 16 ° Rally del Tirreno
Testo-
Testo+
Commenta
Stampa

Di Rosa Fameli Foti

Vittoria di Riolo – Rappa su Skoda al 16° Rally del Tirreno

Classifica primi 10 16° Rally del Tirreno: 1° Riolo – Rappa (Skoda Fabia R5) in 52’10”4;2° Profeta – Raccuia (Skoda Fabia R5) a 41”9; 3° Beccaria – Arlotta (Renault Clio Super 1600) a 2’59”8; 4° Nucita – Messina (Renault Clio R3) a 3’02”9; 5° Bruno – Giacobbe (Renault Clio R3C) a 3’07”1; 6° Arena – Ciccolo (Peugeot 106) q 4’04”8; 7° A. Armaleo – Zaccone (Renault Clio R3C) a 4ì19”4; 8° Gangemi – Di Stefano (Peugeot 106) a 5’02”2; 9° Rizzo – D’Angelo (Renault Clio RS) a 5’09”5; 10° Sofia – Giglio (Peugeot 106) a 5’17”5.
Gara organizzata da Top Competition, un vero bagno di folla ha abbracciato questo grande evento, coppa Rally di 8° zona coefficiente 1,5, trofeo Rally Sicilia coefficiente 2,5, Historic Rally valevole per la terza 4° zona, campionato siciliano coefficiente 1,5. Ben 107 mezzi preparati e agguerriti per una gara che resterà sui libri dello sport italiano. Dopo una notte ricca di emozioni e prove speciali, rombi di motore entusiasmanti, e con coefficiente di 2,5 molto alto che ha visto la presenza di molti big del settore, a caccia di punti. L’equipaggio CST Sport sulla Fabia R5 ha duellato per tutte e 9 le prove speciali con Profeta – Raccuia anche loro su Skoda preparata dalla I.M. Promotorsport e secondi alla fine davanti ai tenaci Beccaria al volante della Renault Clio Super 1600 made in BR sport navigato dal messinese David Arlotta per i colori della FR Motorsport. Arlotta primi di 2 ruote motrici su Renault Clio Super 1600. Appassionante il duello tra i due equipaggi Skoda in arrivo dalla provincia di Palermo che sono giunti sul penultimo crono con un distacco di soli 4”7, solo sull’ultima PS il gap è aumentato, complice una toccata di Profeta :“Abbiamo viaggiato ai ritmi di un grande equipaggio con cui abbiamo duellato e questo ci gratifica molto” – ha dichiarato Profeta, così Riolo ha tagliato il traguardo con 41”9 di vantaggio. Il forte pilota di Cerda ha iscritto perla terza volta il suo nome nell’albo d’Oro della competizione messinese, dopo la vittoria del 2017 sempre con Rappa e quella del 2008. Giungono così vittoriosi i seguenti equipaggi: 3° classificato su Renault Clio super 1600, con un tempo di 55 minuti 10 sec e 2 decimi, Michele Beccaria e Davide Arlotta, che vincono il Gruppo A (classe S 1600) equipaggio della FR Motor sport; hanno attaccato fino alla fine il pilota commosso:< < ci abbiamo creduto fino alla fine, tutto bene anche la macchina, tutto in sintonia, siamo felici anche della prova speciale, grazie al mio navigatore. Nell’ultima prova abbiamo giocato alcuni jolly e siamo qui sul podio>>. Primo classificato un grande mezzo, Skoda Fabia guidata preparata dalla Pool Racing, con Totò Riolo, e Gianfranco Rappa. Totò (grande favorito sin dalla partenza per le sue precedenti vittorie e grande esperienza) esprime la sua gioia: < < siamo stati presi molto da questa gara alla vecchia maniera giocate al decimo di secondo, peccato che eravamo solo due mezzi agguerriti verso la fine del Rally. È importante tantissimo l’esperienza e sono contento di essere arrivato per la terza volta al podio. Queste strade mi affascinano e fino a quando potrò sarò qui a parteciparvi Fin quando potrò tornerò a correre su queste strade bellissime che hanno regalato a me ed a Gianfranco questa bellissima soddisfazione >>. Aggiunge Rappa: < < abbiamo lavorato sull’assetto, con alcune modifiche, quindi per me un’esperienza nuova su queste strade>>. L’equipaggio di assoluto spessore, dalle scene del tricolore rally, giunti al secondo posto Alessio Profeta e Sergio Raccuia, per la Aian Color Sport con la loro Skoda Fabia R5, un under 25. Un giovanissimo equipaggio, prende la parola Alessio: < < non è facile battere un grande campione come Totò con grande esperienza, ma ci riproveremo l’anno prossimo. Ancora tanta esperienza da fare, il tracciato era diverso, dobbiamo sempre stare attenti a come impostare il mezzo, sempre diversamente ogni volta>>. Sergio Racuia: < < ogni gara t’insegna qualcosa, ma presto raccoglieremo altri risultati, per ora siamo soddisfatti>>. Premia il presidente di Top Competition con l’inno nazionale italiano suonato dalla banda di Saponara. Fuori dal podio Giuseppe Nocita con Maurizio Messina, arrivati primi di calsse R3C, seguiti da Angelo Bruno navigato da Massimo Giacobbe. Grandi sfide anche per il terzo gradino del podio ed il primato tra le due ruote motrici e del gruppo A dove ha avuto la meglio in netta rimonta sull’ultimo e decisivo crono il giovane e tenace Michele Beccaria . Il giovane ennese ha sferrato il suo attacco decisivo sull’ultimo crono, spodestando Angelo Bruno e Massimo Giacobbe, i messinesi del Team Phoenix, sodalizio jonico vincitore della classifica scuderie, mattatori della classe R3C per la prima volta sulla Renault Clio R3 della LB Tecnorally che hanno perso terreno proprio sull’ultimo crono complice qualche noia tecnica nella seconda parte di gara, chiudendo al 5° posto alle spalle del santateresino Giuseppe Nucita navigato da Maurizio Messina, anche loro su Renault Clio R3 ma con qualche capriccio al motore durante la gara, gestita con grande esperienza. Fuori dai giochi a età gara Salvatore e Claudia Armaleo mentre con la Peugeot 207 erano in terza posizione. Per il 3° Tirreno Historic Rally ( auto storiche) Vede vincitori assoluti 1° posto Domenico (detto Mimmo) Guagliardo ( grande preparatore) e Francesco Granata, con la Porche 911 sc, parla Mimmo: < < mi ricorda molto gl’anni ’90, queste strada mi hanno dato molte occasioni e per me tornare qui è molto importante e appassionante. Tutto bene per il cambio ed i freni. Dedico tutto alla mia squadra che ha lavorato per rendere il più performante possibile la mia macchina. Ringrazio il mio team per avermi dato la possibilità di essere qui>>. Parla Franco Granata: < < strade impegnative, bisogna stare molto attenti, sono prove tecniche e devi stare sempre all’erta! Queste strade mi ricordano le mie gare degl’anni ’80. Comunque è stata una bella gara, un grande piacere>>. Seconda posizione sempre classe 2° raggruppamento H2L, Antonio di Lorenzo e per Francesco Cardella (navigatore), parla Antonio: < < non potevamo non venire e comunque non credete a Mimmo perché è stato lui a chiedermi di farlo vincere!! ahahaha >>. Terza posizione del podio assoluto dell’Historic Rally Giovanni Spinnato con Fabio Mellina, sempre con Porche 911, ma vincitori 1° posto del 2° raggruppamento :< < per noi è stato un onore, territorio spettacolare ed emozionante misurarsi con dei grandi professionisti >>. Fabio Mellina dal sorriso sfavillante, parla da navigatore: < < ci proviamo sempre ad arrivare alla vittoria, diciamo che la mia solarità ha data la giusta motivazione per il raggiungimento del podio>>. Sesta posizione con successo messinese nella combattuta classe 1600 del gruppo A per un altro equipaggio messinese, formato da Giuseppe Arena e dal rientrante Mario Ciccolo su Peugeot 106, con cui hanno attaccato sin dalle prime battute. Settimi in classifica generale i messinesi della Sunbeam Motrposrt Antonino Armaleo e Marco Zaccone che hanno rimontato e sono saliti sul podio di classe R3C con la Renault Clio. Ottavo posto per Domenico Gangemi e Francesco Di Stefano, il driver più volte tricolore slalom al volante della Peugeot 106, con cui si è classificato 2° di classe A6. Successo in gruppo N e noni in assoluto i messinesi Maurizio Rizzo e Massimo D’Angelo che sulla Renault Clio RS hanno attaccato al momento opportuno in una classe N3 decisamente numerosa ed agguerrita. Top ten completata dai vincitori di classe K10 Antonino Sofia e Salvatore Giglio, anche l’equipaggio messinese su Peugeot 106 in versione kit.
Per tutti gli aggiornamenti seguite il Rally del Tirreno su http://www.rallydeltirreno.com/ , a Torregrotta (Me).

Partecipa alla discussione