Regione, De Gaetano: dal Governo centrale colpi mortali alla scuola | ApprodoNews
Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image
Torna su

Torna su

 
 

Regione, De Gaetano: dal Governo centrale colpi mortali alla scuola

Regione, De Gaetano: dal Governo centrale colpi mortali alla scuola
Testo-
Testo+
Commenta
Stampa

“Come sempre, siamo e saremo accanto ai lavoratori precari”

Regione, De Gaetano: dal Governo centrale colpi mortali alla scuola

“Come sempre, siamo e saremo accanto ai lavoratori precari”

 

(ASCA) – Reggio Calabria, 4 set – ”Bastano i numeri a rendere conto delle dimensioni catastrofiche del dramma: i precari che perderanno il posto nel mondo della scuola grazie ai tagli operati dal Governo Berlusconi – secondo i dati forniti dal sindacato di base Rdb-Usb – ammontano a circa 46mila unita’, tra docenti, personale Ata e lavoratori Cococo”. Lo denuncia il capogruppo regionale della Federazione della Sinistra Nino De Gaetano. ”Inutile aggiungere – specifica – che la maggior parte dei licenziamenti colpira’ le regioni del Sud e, in particolare, la Calabria dove l’anno scolastico e’ iniziato con la disperazione dei lavoratori ”sacrificati” dalla Gelmini. La solidarieta’ pelosa e di coccodrillo manifestata dal ministro dell’Istruzione proprio in queste ore ai docenti che in mezza Italia stanno mettendo in atto drammatiche forme di protesta (anche scioperi della fame) va a braccetto con le gravissime responsabilita’ collezionate da questo Governo: la scuola italiana, infatti, da qualche anno e’ oggetto di tagli sconsiderati e sproporzionati che ne hanno gravemente indebolito il ruolo di primaria agenzia formativa, mettendone a rischio la natura di istituzione pubblica e democratica”.

”La Federazione della sinistra – dice De Getano – non puo’ non raccogliere il disagio che in questi giorni docenti e non docenti stanno esprimendo. Come sempre, siamo e saremo accanto ai lavoratori precari impegnati nel far valere le proprie ragioni e li affiancheremo nelle proteste che intenderanno portare avanti”.

Partecipa alla discussione