Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image
Torna su

Torna su

 
 

Riorganizzazione del sistema fieristico calabrese

Riorganizzazione del sistema fieristico calabrese
Testo-
Testo+
Commenta
Stampa

De Masi e Talarico presentano due emendamenti alla proposta di legge n. 61/9

Riorganizzazione del sistema fieristico calabrese

De Masi e Talarico presentano due emendamenti alla proposta di legge n. 61/9

 

Nella mattinata di ieri 26 ottobre, presso la sede del Consiglio regionale, l’On. Emilio De Masi (Capogruppo IdV) e l’On. Domenico Talarico (Consigliere regionale IdV) hanno depositato, con prot. n° 591, presso la II Commissione Bilancio, Programmazione economica e attività produttive, due emendamenti alla proposta di legge n. 61/9 tesa alla riorganizzazione del sistema fieristico calabrese. Il testo di legge di cui sopra, ponendosi l’obiettivo di determinare le migliori condizioni affinche’ l’offerta fieristica regionale possa assurgere ad importante momento di richiamo nazionale ed internazionale, si limita a riconoscere gli Enti fieristici di Lamezia Terme, Cosenza e Reggio Calabria Determinare l’esclusione di Crotone dal sistema fieristico regionale, oltre che inopportuno, è apparso come un sistematico agire volto all’isolamento di un’importante territorio che in questo caso rappresenta tutta la fascia ionica calabrese. L’on. De Masi e l’on. Talarico hanno ritenuto, all’uopo, di presentare due emendamenti che saranno osservati non appena il ddl n° 61/9 sarà posto in discussione all’odg della II Commissione che ne è assegnataria per l’esame di merito.

Emendamento N° 1

Il comma 2 dell’articolo 8 del ddl n. 61/9^ è sostituito dal seguente: 2. Ferme restando le disposizioni dell’articolo 51 e dell’articolo 53 del D.P.R. n. 616/77, le manifestazioni fieristiche a carattere “internazionale”, “nazionale” e “regionale” sono organizzate dagli enti fieristici. La Regione riconosce gli Enti Fieristici di Lamezia Terme. Crotone, Cosenza e Reggio Calabria che operano da più anni sul territorio. 

Emendamento N° 2

L’articolo 22 del ddl n. 61/9^ è sostituito dal seguente: Art.22 Norma finanziaria All’onere derivante dall’applicazione della presente legge valutato per l’anno 2010 in €. 400.000 (quattrocentomila) si farà fronte con le risorse disponibili all’UPB 2.2.03.02 dello stato di previsione della spesa del bilancio 2010, inerente a “Manifestazioni fieristiche”. Per la copertura finanziaria dell’anno successivo, la spesa quantificata in €. 4.000.000 (quattromilioni) sarà determinata dall’aumento del medesimo importo all’UPB 2.2.03.02 con l’istituzione di un apposito capitolo “Sistema fieristico regionale”. Ciò nella considerazione che a Crotone, nell’ambito del PSU (programma di Sviluppo Urbano), è stato avviato il progetto per la realizzazione di un polo fieristico polifunzionale per cui, su un ampia superficie disponibile, è stata già realizzata una palazzina di 320 metri quadrati adibita ad uffici ed un padiglione prefabbricato da 1000 metri quadrati. Tra l’altro il Polo fieristico crotonese è già nella fase conclusiva della costituzione del soggetto giuridico pubblico-privato per la gestione della struttura. In un contesto economico e sociale sofferente come quello crotonese,il Polo fieristico potrebbe rivestire un ruolo fondamentale per il rilancio produttivo di tutta l’area.

Segreteria On. Emilio De Masi

Presidente Gruppo Italia dei Valori Consiglio Regionale Calabria

redazione@approdonews.it

Partecipa alla discussione

Change privacy settings