Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image
Torna su

Torna su

 
 

Scarfò, “Gli invisibili assistenti educativi” Intervento dell'ex consigliere comunale di Taurianova

Scarfò, “Gli invisibili assistenti educativi” Intervento dell'ex consigliere comunale di Taurianova
Testo-
Testo+
Commenta
Stampa

Riceviamo e pubblichiamo

Gli invisibili sono tutte quelle categorie e non sto parlando solo dei lavoratori in nero , ma di chi pur svolgendo attività lavorative previste dalla nostra Costituzione sono state lasciate da parte e abbandonate dal Governo in questo periodo di emergenza causa Epidemia .
È il caso della figura delll’assistente educativo prevista dalle leggi (la 104/92 e la 170/2010).

Gli assistenti educativi, svolgono un’attività educativa e assistenziale volta a promuovere i processi di crescita umana e civile affiancando gli allievi, quelli con fragilità, in vari momenti della giornata, sul piano psicopedagogico e relazionale. Con le scuole chiuse, a causa dell’emergenza Covid-19, gli assistenti educativi si trovano a casa senza nessuna copertura. La maggior parte di questi precari infatti, non è tutelata.
È importante fare un piccolo excursus di quelle che sono le mansioni così importanti nella scuola da parte di questa figura…..prevista dal MIUR ma non considerata dal punto di vista contrattuale;

• Costruisce in accordo con i docenti di classe, un proprio piano di lavoro all’interno del Piano Educativo Individualizzato per l’alunno in situazione di handicap;
• deve evitare una gestione puramente assistenziale dell’alunno in situazione di handicap pur costituendo essa la base da cui muovere;
• deve assumere conoscenze complete sull’alunno in situazione di handicap in modo da possedere un quadro della sua personalità (più oltre la descrizione dei suoi deficit), partecipando – qualora il Dirigente Scolastico lo ritenga opportuno ai lavori di messa a punto del Profilo Dinamico Funzionale e del Piano Educativo Individualizzato;
• deve garantire il massimo di segretezza professionale per tutto quanto si riferisce alle informazioni sull’alunno in situazione di handicap;
• deve interagire con gli altri adulti presenti nell’ambito scolastico (docenti curricolari, docente di sostegno, personale ausiliario, educatori, …) e con il personale dei servizi del territorio;
• deve proporre quanto ritenga utile, opportuno e vantaggioso per l’alunno in situazione di handicap nell’ambito del percorso scolastico;
• deve collaborare con l’autorità scolastica nell’ambito delle attività previste dalla scuola in cui opera;
• deve sottoscrivere una dichiarazione di responsabilità per quanto si riferisce l’entrata in servizio e la presenza a scuola;
• deve partecipare alle attività di formazione e aggiornamento attivate espressamente per gli assistenti.
Beh paradossalmente queste funzioni vengono attuate cin grande passione e professionalità da questi ragazzi che purtroppo ad oggi si ritrovano ai box a casa fermi, sotto tutti i punti vista , economico perché non percepiscono nessun ammortizzatore sociale previsto dal decreto Cura Italia della presidenza del Consiglio, poiché leggete bene , normativamente parlando la figura è prevista dal Ministero dell’ Istruzione con tanto di citazione per assistenza ai ragazzi con disabilità riconosciuta dalla legge 104/92 e la 170/10. Ma dal punto di vista contrattuale il Miur e quindi lo stato lascia alle scuole superiori e quindi alle dirigenze e ai comuni per quanto riguarda le scuole medie, la possibilità di formulare dei contratti cosiddetti d’Opera in base alle ore svolte con nessuna rilevanza contrattuale e assistenziale, ( solo in caso di superamento nell anno in corso di euro 5000) Cosi da essere lasciati senza nessun sussidio di natura economica, poiché non rientrano con i requisiti contrattuali nel piano di aiuti previsti per per i lavoratori autonomi e dipendenti. Invisibili praticamente, invisibili dallo stato ma sempre presenti a coadiuvare e a volte anche a sostituire quando i docenti risultano assenti o esenti dal giorno libero.
Inoltre con le figure specializzate nell assistenza alla comunicazione risultano indispensabili per la didattica dei ragazzi con disabilità gravi , per i non vedenti e non udenti.
Per tutto ciò chiedo alla Citta Metropolitano, ai nostri Onorevoli e Senatori che prendano a cuore questa situazione e trovino una volta per tutte una soluzione definitiva e contrattuale, affinché possano restituire al personale Assistente Educativo la dignità e la professionalità che meritano. Aggiungo in qualità di docente di sostegno che provo notevole imbarazzo e un grande sconforto nell’assistere inerme ad un totale abbandono per una figura che ha lavorato a stretto contatto e preziosa collaborazione per l’anno scolastico in corso con il sottoscritto e con tutti gli insegnanti di sostegno fino all ‘interruzione delle lezioni causa chiusura scuole, senza nessun aiuto o indennizzo da parte dello Stato.

Prof. Scarfò Raffaele ex consigliere comunale Taurianova

Partecipa alla discussione

Change privacy settings