Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image
Torna su

Torna su

 
 

Scavo archeologico abusivo in terreno, arrestati “tombaroli” Tre persone sono finite ai domiciliari

Scavo archeologico abusivo in terreno, arrestati “tombaroli” Tre persone sono finite ai domiciliari
Testo-
Testo+
Commenta
Stampa

I Carabinieri della Tenenza di Isola Capo Rizzuto hanno tratto in arresto un 30enne e un 26enne, entrambi del luogo, per resistenza a pubblico ufficiale, denunciandoli, inoltre, insieme a un 59enne di Scandale, per danneggiamento e violazioni in materia di ricerche archeologiche. I militari dell’Arma, durante alcuni controlli, hanno sorpreso i tre mentre effettuavano uno scavo archeologico abusivo all’interno di un terreno privato. I “tombaroli” hanno anche provato a fuggire, ma sono stati raggiunti. I due più giovani hanno opposto resistenza fisica, ma i militari sono riusciti ad immobilizzarli. I tre sono stati sottoposti agli arresti domiciliari. Quello dei “tombaroli” è un fenomeno molto presente in Calabria e sono moltissime le aree archeologiche che subiscono danni e furti soprattutto durante le ore notturne.

Partecipa alla discussione