Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image
Torna su

Torna su

 
 

Serie C : Reggina all’ultimo respiro Denis sigla il penalty decisivo in una gara dalle mille emozioni

Serie C : Reggina all’ultimo respiro Denis sigla il penalty decisivo in una gara dalle mille emozioni
Testo-
Testo+
Commenta
Stampa

DI ANTONIO SPINA

Una vittoria al cardiopalma in un finale thrilling. Così, può racchiudersi la sintesi della partita tra Bisceglie e Reggina. E’ l’argentino Denis a trasformare il rigore decisivo a tempo praticamente scaduto che consente alla Reggina di portare a casa tre punti fondamentali per lasciare immutata la distanza dalla coppia Bari-Ternana. Un rigore, quello trasformato da El Tanque, che pesa come un macigno nell’economia del campionato e che consente di ribaltare un match che gli amaranto hanno concluso in crescendo dove, forse, le scelte iniziali di Toscano hanno condizionato in negativo la prestazione.
Dopo la sconfitta, la prima di stagione, contro la Cavese la capolista Reggina è chiamata ad invertire immediatamente la rotta. Per gli uomini di Toscano impegno lontano dal Granillo, secondo consecutivo, questo pomeriggio contro il Bisceglie, che in casa non ha mai vinto. Importanti novità nell’undici di partenza. Debuttano dal primo minuti i nuovi acquisti Sarao e Liotti, Blondett rileva al centro della difesa Bertoncini appiedato dal Giudice Sportivo, Sounas trequartista. Due gli ex tra le fila dei nerazzurrostellati, si tratta di Zibert e Mastrippolito. Condizioni del manto erbsoso del “Gustavo Ventura” davvero indecenti per ospitare una gara di serie C.
PRIMO TEMPO DA INCUBO
Pronti-via e gli amaranto vedono subito le streghe. Padroni di casa vicini al vantaggio con il palo clamoroso colpito da Ebagua, che di testa raccoglie un cross proveniente dalla sinistra con Guarna che segue con lo sguardo il pallone senza possibilità di far nulla. Passano pochi minuti ed il Bisceglie costruisce un’altra occasione da rete. E’ Romani, da dentro area, a mettere i brividi ai tifosi amaranto con un tiro che finisce alto sopra la traversa. Situazioni tutte che fanno da prologo al vantaggio dei pugliesi che, inesorabilmente, arriva al minuto 15 con Ebagua, la cui conclusione dalla distanza sorprende l’estremo difensore ospite tradito, forse, da un rimbalzo strano sul terreno di gioco del pallone. Bisceglie in vantaggio e Reggina groggy. La reazione non c’è, anzi amaranto molto timidi e completamente irriconoscibili. Un’involuzione di gioco che incomincia a preoccupare ed impensabile fino a qualche settimana addietro.
SECONDO TEMPO NEL FINALE SUCCEDE DI TUTTO
Nella seconda frazione di gioco Reggina a trazione anteriore con gli innesti di Reginaldo per Bianchi, Denis per Sarao e Nielsen, debutto per il norvegese, per De Rose. I cambi riescono a far cambiare l’inerzia della gara almeno dal punto di vista delle occasioni. Da azione d’angolo calciato da Sounas, al 61’, Denis chiama all’intervento salva-risultato Borghetto, che in volo plastico neutralizza il colpo di testa dell’argentino destinato a finire la sua corsa all’incrocio dei pali. L’occasione più ghiotta, che la Reggina non riesce a sfruttare, arriva quattro minuti dopo. Zibert colpisce in piena area la palla con la mano, il direttore di gara non ha dubbi e concede il penalty che Corazza sciupa, spedendo sulla traversa la conclusione potente con Borghetto spiazzato. Adesso la Reggina si spinge disperatamente in avanti per trovare il gol del pari, il Bisceglie si difende con ordine provando a ripartire in contropiede. All’ 82’ Denis, su assist di Bellomo, in spaccata prova a sorprendere il portiere di casa. Negli ultimi dieci minuti, la Reggina riesce a creare più occasioni da rete che nell’intero arco del match. A tre minuti dal 90’ è Loiacono a ridare speranze ai suoi, mettendo in rete di testa a porta sguarnita. Gli amaranto ci credono e gli sforzi vengono premiati al 95’, quando l’arbitro fischia il secondo rigore di giornata per fallo di mano. Questa volta, dal dischetto si presenta si presenta El Tanque che spiazza Borghetto e regala una vittoria insperata e di capitale importanza per il proseguo del campionato.

SERIE C GIRONE C, 22ª GIORNATA

BISCEGLIE-REGGINA 1-2

Marcatori: 15′ Ebagua (B), 87′ Loiacono (R), 97′ rig. Denis (R).

Bisceglie (3-4-3): Borghetto; Turi, Hristov, Diallo; Mastrippolito, Rafetraniana, Zibert (92′ Abonckelet), Armeno; Romani, Ebagua (83′ Montero), Gatto (67′ Karkalis). A disposizione: Casadei, Tarantino, Dellino, Camporeale, Longo, Murolo, Ferrante, Tessadri. Allenatore: Mancini.

Reggina (3-4-1-2): Guarna; Loiacono, Blondett, Rossi; Garufo (22′ Rolando), Bianchi (46′ Reginaldo), De Rose (59′ Nielsen), Liotti (80′ Bellomo); Sounas; Corazza, Sarao (59′ Denis). A disposizione: Farroni, Bresciani, Gasparetto, Rubin, De Francesco, Paolucci, Rivas. Allenatore: Toscano.

Arbitro: Matteo Gualtieri di Asti (Gianluca D’Elia e Andrea Niedda di Ozeri).

Note – Al 64′ Corazza (R) sbaglia un calcio di rigore. Ammoniti: Zibert (B), Denis (R), Borghetto (B). Espulso: Diallo (B). Calci d’angolo: 2-8. Recupero: 1’pt; 5’st.

FOTO VALENTINA GIANNETTONI

Partecipa alla discussione

Change privacy settings