Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image
Torna su

Torna su

 
 

Taurianova, Fausto Siclari risponde a Daniele Prestileo "Ha dimostrato di non essere solo un traditore, ma anche un deprecabile mistificatore, un bugiardo, un millantatore"

Taurianova, Fausto Siclari risponde a Daniele Prestileo "Ha dimostrato di non essere solo un traditore, ma anche un deprecabile mistificatore, un bugiardo, un millantatore"
Testo-
Testo+
Commenta
Stampa

La nota stampa divulgata da Daniele Prestileo, nel disperato e vano tentativo di giustificare il suo inqualificabile gesto, ha generato un ravvedimento sulle mie convinzioni che, certamente con molta superficialità mi avevano indotto a definirlo TRADITORE. Si, ho sbagliato e per questo chiedo scusa a quel poco della mia stessa intelligenza.
Difatti, Daniele Prestileo ha dimostrato di non essere solo un TRADITORE, ma anche un deprecabile MISTIFICATORE, UN BUGIARDO, UN MILLANTATORE e persino, metaforicamente, UN AUTISTA DI VEICOLO C/TERZI ma abusivo e/o clandestino poichè, purtroppo per lui, privo di qualsiasi titolo di “spessore” abilitante per una così spericolata guida.
La sua nota stampa, palesamente scritta sotto dettatura di chi ancora non ha smaltito la rabbia per i mancati pennacchi, ha fatto conoscere, non solo a me ma anche all’intera comunità taurianovese, il vero volto del soggetto TRADITORE. Per questo lo ringraziamo calorosamente.
Facile, Daniele Prestileo, troppo semplice e facile, il tentativo di giustificare la tua IRRESPONSABILITA’ E LA TUA INCOERENZA vomitando accuse e responsabilità sull’ex Presidente del Consiglio Comunale, come se lo stesso fosse stato la causa del TUO E DI ALTRI TRADIMENTI. E, a scanso di equivoci, quando parlo di TRADITORI E TRADIMENTI preciso che non mi riferisco certo ai Consiglieri eletti all’opposizione.
Tu sei stato in Consiglio Comunale solo per qualche mese, senza nulla proporre e, solo adesso, solo dopo aver inferto la meschina e vigliacca pugnalata alle spalle, si, meschina e vigliacca perchè non hai avuto nemmeno il coraggio, il rispetto, anche istituzionale, e la correttezza di manifestare de visu le tue pseudo lamentele, i tuoi aleatori “perchè” avresti abbandonato la maggioranza, non puoi, solo adesso, arrampicarti sugli specchi con dilettantistiche e spericolate peripizie circensi degne delle più esilaranti gag.
Nella tua delirante scorribanda addossi a me, mentendo spudoratamente sapendo di mentire, la responsabilità dell’allontanamento dalla maggioranza dei consiglieri Marianna Versace, Stella Morabito e Filippo Lazzaro; per questo ritengo tu sia, oltre al resto, UN IPOCRITA DA OSCAR.
E’ notorio a tutti quanti hanno seguito le vicende elettorali che Marianna Versace ha di fatto abbandonato la maggioranza prima ancora che si insediasse il Consiglio Comunale neo eletto. I motivi sono a me sconosciuti e non nutro la curiosità di saperli. Lo ha fatto, avrà avuto le sue ragioni.
E’ altrettanto notorio a tutti, soprattutto a tutti noi che abbiamo vissuto la vicenda da vicino, che Stella Morabito e Filippo Lazzaro hanno sin da subito manifestato il loro “malessere politico personale”. Tu non partecipavi alle riunioni di maggioranza perchè già affetto da sindrome rancorosa per mancata elezione (come se la colpa fosse del Sindaco) e quindi non puoi nemmeno immaginare. “Malessere politico personale” dovuto esclusivamente al fatto che i partiti ove i due si erano candidati si erano espressi, autonomamente e legittimamente, indicando altri nomi e non i loro per la nomina negli incarichi istituzionali.
Tanto conclamato, di indecifrabile rimane solo il perchè questi ex consiglieri comunali si siano scagliati con veleno e con livore, fuori dalla portata dell’umana ma anche scientifica comprensione, contro il Sindaco Fabio Scionti “reo” soltanto di aver democraticamente preso atto della volontà della coalizione politica che lo ha sostenuto e delle scelte da essa operate.
Ma, allora, perchè scatenare la guerra al Sindaco? Semplice la risposta : per distogliere l’attenzione dai mancati pennacchi e far sembrare il tutto come una questione legata alla gestione amministrativa.
Il Sindaco Scionti ti assicuro, Daniele Prestileo non ha mai posto alcun veto su nessuno dei candidati o consiglieri eletti che lo hanno sostenuto. Anzi, per amore della verità, devo dire che solo su uno nutriva, celatamente, qualche comprensibile pregiudizio che i fatti ed i comportamenti hanno fatto cadere, nel tempo, regalando una delle più belle gratificazioni personali al soggetto interessato.
Sappi, Daniele Prestileo, che in politica è comprensibile l’ambizione di ognuno degli attori nel voler ricoprire cariche istituzionali, come potrebbe essere condivisibile l’amarezza e la delusione per il mancato raggiungimento dell’obiettivo. Ma mai, ripeto MAI, può essere giustificato il motivo del TRADIMENTO solo ed esclusivamente attraverso la mistificazione dei fatti e della realtà.
HAI TRADITO SENZA GIUSTIFICATO MOTIVO, HAI TRADITO PER CONTO TERZI. LA TUA ORA CERTIFICATA INAFFIDABILITA’ HA DATO RAGIONE A CHI HA PENSATO DI NON FARTI ENTRARE IN CONSIGLIO COMUNALE PRIMA.
Questa la verità !!! Dopodichè, vi potrete prodigare ancora con belle parole di alti e nobili principi, con altre accuse, con altre nebulose alchimie, ma sappiate che la stragrande maggioranza dei taurianovesi ormai vi ha sgamati.
E adesso ti spiego, Daniele Prestileo, qual’è il dovere principe, non negoziabile, del Presidente del Consiglio Comunale : FAR RISPETTARE LE REGOLE ED I REGOLAMENTI.
A questo imprescindibile dovere mi sono sempre attenuto e mai, ribadisco MAI, ho infranto le regole che disciplinano il funzionamento del Consiglio Comunale.
Se poi, per te e per altri, è stata una colpa non aver consentito che il Consiglio Comunale si trasformasse con costanza (qualche volta è successo e non certo per colpa mia) in “gucceria di palermitana memoria”, sappi che di questo ne vado fiero. Se non ho mai consentito comportamenti anarchici, ponendo un fermo freno chi voleva porli in essere, anche di questo ne vado fiero. Se ho preteso che nel corso delle discussioni dei punti all’odg si parlasse solo del merito della proposta di deliberazione e non di pettegolezzi e frivolezze da bar dello sport, beh, anche di questo sono ulteriormente fiero.
Di contro, mio malgrado, ho dovuto assistere all’operato di consiglieri comunali che, anzichè discutere sui reali problemi della nostra Città e proporre eventuali soluzioni, hanno perso il 70% di tempo del loro mandato consiliare nella stesura di stravaganti mozioni di sfiducia al Presidente del Consiglio comunale. Qualcuno poi, ha impegnato il restante 30% di tempo nella preparazione di una interrogazione al Sindaco in cui chiedeva di conoscere i nomi di tutti i cani randagi catturati nel territorio comunale……e per adesso mi fermo qui.
Infine, Daniele Prestileo, se in seguito, nel tentativo di denigrare la mia persona volessi parlare della nota vicenda giudiziaria conseguente alla denuncia dell’ex consigliere comunale Biasi, ti invito e ti consiglio di aspettare ancora per poco, il 17 gennaio è vicino.

FAUSTO SICLARI
EX PRESIDENTE DEL CONSIGLIO COMUNALE

Partecipa alla discussione